Andiamo a Berlino con il birrificio Rethia

“Andiamo a Berlino”…così gridava Fabio Caressa dopo la vittoria dell’Italia nella semifinale dei campionati del mondo di calcio in Germania nel 2006.

Adesso può fare lo stesso il birrificio Rethia che si appresta a presentare il prossimo 11 novembre una nuova birra. Si tratta di una Berliner Weiße chiama Lemon Fever aromatizzata con olio essenziale di limone e bergamotto da 3,5% e un pH da 3,6 acidità tipica di questa sour beer. Lo stile riprende le storiche birre di frumento di Berlino e dintorni che furono per decenni la bevanda più consumata in città. Una tipologia ormai in via di estinzione ma che sta avendo nuova vita con l’avvento della craft revolution.

L’acidità nasce dall’impiego solo di acido lattico che contribuisce in  maniera determinate a definire il tratto caratteristico di questa nuova referenza: la freschezza. La Lemon Fever appare al naso con un evidente sentore di limone mentre in bocca il citrico e il lattico, uniti ad un corpo decisamente watery anche se presente, le danno una beva che i tre ragazzi di Rethia definiscono pericolosa.

Questa novità si pone come prima tappa di un progetto che vede uno sviluppo più ampio: una linea chiamata Fever.

Per lanciare la nuova birra, il birrificio di Vezzano ha organizzato il ” Fever Day”, una giornata speciale dove si assaggerà questa sour in tutti i locali che offrono alla spina i prodotti targati Rethia. Dalle ore 20 di sabato 11 novembre si potrà trovare la Lemon Fever al Tribaun di Innsbruck, all’Angolo dei 33 e Uva e menta a Trento, al Cinastic a Molveno, a La Nicchia cafe ad Ala e Dal Barbarossa a Crema. Per maggiori informazioni seguite l’evento su facebook.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 4 =