Luppolo bio trentino per la Biolupo targata Bionoc’

Ci siamo…nelle luppolete del Birrificio Bionoc’ di Mezzano in Primiero la stagione del raccolto è arrivata! I fusti delle piantine di luppolo si sono inerpicate in alto e le infiorescenze femminili hanno raggiunto la “massima” potenza aromatica.

Questo è l’unico breve momento durante l’anno dove è possibile brassare la Biolupo, la birra “harvest” o “wet hop” che ha la particolarità di usare il luppolo fresco, messo in infusione appena colto per mantenere inalterata la freschezza e i profumi. Ci saranno due Biolupo: quella targata Primiero con luppoli coltivati a Imer e quella chiamata “Valsugana” con le infiorescenze che provengono da una luppoleta tra Marter e Roncegno, che garantirà 650 kg di luppolo.

Queste coltivazioni sono certificate “Bio” e quest’anno i luppoli autarchici di Bionoc’ arriveranno a coprire il 90% della produzione totale del birrificio. La Biolupo è una Kölsch, rara birra tedesca ad alta fermentazione originaria di Colonia, dal colore chiaro, basso grado alcolico, estremamente fesca dove emergono i sentori fruttati dei luppoli appena colti.

Ecco una galleria di immagini della luppoleta di Imer poco prima dell’inzio del raccolto (20.08.2016).

BionocLuppoleta2016_06 BionocLuppoleta2016_02 BionocLuppoleta2016_01 BionocLuppoleta2016_03 BionocLuppoleta2016_04 BionocLuppoleta2016_05 BionocLuppoleta2016_11 BionocLuppoleta2016_10 BionocLuppoleta2016_09 BionocLuppoleta2016_08 BionocLuppoleta2016_07

BionocLuppoleta2016_12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + 15 =