I birrifici insieme per un gioco di squadra

degustazione-abat-trentino-birra

Sabato 22 ottobre ci sarà una ghiotta opportunità per conoscere meglio l’Associazione Birrifici Artigianali Trentini (ABAT) che dalle ore 18.00 organizza a palazzo Traumansdorf una serata di degustazione per avvicinarsi e comprendere meglio la realtà brassicola trentina. Nel palazzo rinascimentale di piazza Raffaello Sanzio a Trento si protranno gustare 10 prodotti diversi. Tra alte e basse fermentazioni, birre chiare, scure, ambrate e tradizioni brassicole differenti, vi verrà spiegata la birra in chiave internazionale ma con particolare attenzione alle realtà territoriali.

L’Associazione Birrifici Artigianali Trentini nasce nel 2015 ed è composta da nove realtà della nostra provincia: Birra Barbaforte, Birra del Bosco, Birrificio Clesium, Birrificio di Fiemme, Birrificio Leder, Birrificio Maso Alto, Birrificio Pejo, Birrifico Rethia, Birrificio Val di Non. Sono tutte aziende nate negli ultimi 3-4 anni a parte il decano Birrificio Fiemme che è in attività dal 1999. Questa nuova generazione di birrai ha iniziato a muovere i primi passi insieme collaborando in maniera informale per superare piccoli problemi o per confrontarsi sulle produzioni. Da qui è nata la voglia di strutturarsi in maniera più “formale” per far conoscere la realtà birraia trentina, i suoi prodotti e i suoi produttori e promuovere una nuova cultura delle birra legata alla qualità e al territorio.

Proprio il territorio e le materie prime a km zero sono uno delle scommesse di ABAT che punta su questi due aspetti per sviluppare la propria attività nei prossimi anni. Nel frattempo comunque già altre sono state le iniziative organizzate come momenti interni di formazione professionale, degustazioni e visite tra cui spicca il viaggio nelle regione bavarese Hallertau, area da cui si ricava circa il 32% della produzione mondiale del luppolo.

Una volta all’anno poi i soci si ritrovano per brassare insieme: quest’anno si sono ritrovati a Cles, ospiti del birrificio Clesium,per produrre una “White IPA”: una birra ponte tra un’IPA di stampo americano e le Witbier belghe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − diciotto =