Camba Bavaria: in trasferta dagli eretici della Baviera

camba-bavaria-trentino-birra-2Per la prima volta sconfiniamo fuori provincia per parlarvi di un birrificio tedesco: Camba Bavaria. Ci troviamo a Truchtlachling in Baviera, nella splendida area del Chieemsee tra Monaco e Salisburgo. Questa birrificio nasce nel 2008 come spin-off di BrauKon azienda tedesca che produce impianti di produzione di birra soprattutto per piccole aziende. La sede del birrificio è un luogo decisamente decisamente spettacolare, un vecchio mulino sul fiume Alz che è stato convertito in birrificio con ristorante. Il nome Camba riprende sia un termine latino, che sta ad indicare lo spazio in un monastero dedicato alle fermentazioni per pane e birra, che un significato celtico.  Truchtlaching una volta era infatti un insediamento celtico e “Camba” significava tino da ebollizione. Un doppio omaggio alla birra. 

camba-bavaria-trentino-birra-3Ad accoglierci al birrificio c’è Martin Simion uno dei mastri birrai responsabili della produzione. Ci racconta subito che ha origine trentine: il nonno era emigrato in Germania negli anni ’40 del secolo scorso da Transacqua. Non sappiamo se è una casualità o un curioso incrocio astrale ma Martin ha lo stesso cognome e origine di Nicola Simion mastro birraio della Bionoc’ di Primiero.

Camba Bavaria non è un birrificio “usuale”. Già da un primo sguardo ci si accorge che c’è qualcosa di strano. Dietro al bancone di mescita del ristorante ci sono 16 spine diverse che comprendono sia le classiche birre da “Brauerai”, Hells Pills e Weizen ma anche produzioni “internazionali” con Ales di vario tipo, Stout, Porter e l’interessante Love beer al frumento con luppoli tedeschi e americani.

camba-bavaria-trentino-birra-4Tutta questa varietà non è altro che una parte minore delle birre prodotte da Camba Bavaria. Le tipologie di birre sono più di cinquanta frutto dell’estro di un gruppo di giovani birrai e di una filosofia aziendale improntata all’innovazione, alla ricerca e alla scoperta. Questa spinta a solcare nuove strade si scontra con la rigorosa applicazione della legge di purezza, il famoso Reinheitsgebot, che ocamba-bavaria-trentino-birra-5
bbliga dal 1516 i birrifici tedeschi a utilizzare esclusivamente malto d’orzo, lievito, luppolo ed acqua. Per questo alcune produzioni “clandestine” sono state brassate all’estero, come ad esempio nella vicinaAustria, per poter utilizzare ingredienti non ortodossi come, ad esempio, la scorza d’arancia, le spezie o i chicchi di caffè. Tra i prodotti più interessanti proposti da Camba ci sono sicuramente le birre invecchiate per mesi in botti di rovere precedentemente utilizzate per rum, whisky e bourbon. In queste
Oak Aged Beers sono si percepisce chiaramente il legno, l’aroma di questi liquori e il grado alcolico decisamente importante.

camba-bavaria-trentino-birra-1Il birrificio è organizzato su due piani con spazi dedicati per vendita, magazzino, maturazione e imbottigliamento ma il cuore pulsante è la zona ristorante dove spiccano i tini di rame a vista della sala cottura. L’impianto da 10 ettolitri sicuramente non spicca per dimensioni ma la produzione, che annualmente si attesta sui 5000 ettolitri (una cifra considerevole per il Trentino ma quasi trascurabile per il panorama tedesco), è supportata da numerosi tini diversificati per le alte e basse fermentazioni. In questo modo Camba riesce a brassare praticamente tutti i giorni con una cotta la mattina ed una il pomeriggio. Il numero di persone impiegate tra ristorante e birrificio è di circa 15 persone tra cui spiccano numerose presenze femminili, cosa per la nostra provincia sicuramente inusuale.

camba-bavaria-trentino-birra-6Camba Bavaria è un piccolo segnale che la cultura birraria anche in Germania si sta evolvendo. Ci hanno raccontato che il panorama degli appassionati di “craft beer” è molto variegato: da giovani curiosi in cerca di novità fino a pensionati buongustai. Merito sicuramente anche di questo esuberante birrificio che organizza ogni settimana degustazioni, visite guidate e cene con abbinamenti cibo-birra. Se passate quindi per la Baviera vi consigliamo di fare un salto da Camba, sicuramente non rimarrete delusi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − due =