La qualità si misura con Lab4beer

Lab4beer: il nome dice già molto. Un progetto che nasce dall’idea di Nicola Coppe, astro emergente della scienza delle fermentazioni, per trasmettere informazioni e conoscenze che generalmente il birraio non possiede. La manualità, la sapienza del mastro birraio, la scelta delle materie prime e la ricerca di nuove ricette non sempre portano ad una birra di qualità e stabile. Per le piccole realtà, come quelle della nostra provincia, avere il completo controllo di tutti i meccanismi bio-chimici che si celano dietro la produzione brassicola può essere arduo.

Finora il controllo qualità in birrificio era una sporadico e maniera parziale spesso affidandosi a laboratori esterni. Nicola Coppe è convinto che è possibile implementare una serie di controlli del processo produttivo con costi bassissimi e con strumenti semplici che occupino poco tempo al birraio. Attraverso analisi microbiologiche e/o chimiche semplici ed immediate, eseguite direttamente in birrificio, è possibile trarre enormi vantaggi sia da un punto di vista preventivo per evitate infezioni indesiderate sia per migliorare l’efficienza del processo per arrivare ad un prodotto finito di qualità costante.

Per comprendere meglio questo concetto, Lab4Beer vuole puntare sulla comunicazione e sulla formazione dei birrai: attraverso una serie di video, un strumento diretto e facilmente accessibile, si può comprendere l’importanza dell’autocontrollo in birrificio.

Insieme all’azienda Sacco, che sviluppa e commercializza reagenti e materiale da laboratorio, sono stati sviluppati una serie di strumenti che consentono in maniera veloce ed economica di analizzare alcune fasi “critiche” della produzione brassicola. E’ quindi possibile, anche senza avere delle conoscenze approfondite di microbiologia, poter analizzare la qualità dei propri prodotti.

Lab4Beer risponde infatti ad una domanda la cui risposta sembra scontata ma che in alcuni casi è sottovalutata. Da dove deve partire un piccolo birrificio per crescere, farsi conoscere e soprattutto per distinguersi in un panorama che è sempre più ampio e ricco di proposte? Dalla qualità delle birre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − due =