L’abbazia per bere la birra che cerchi

20160611_163458A tutta birra! In questo modo è possibile sintetizzare la vita di Claudio Smaniotto che in passato ha vissuto e lavorato in Belgio, poi in Zaire responsabile vendite della Skol presso o stabilimento da 60.000 ettolitri e poi infine in Italia dove ha iniziato l’attività di distribuzione di birre d’importazione. Dal 2008 inizia a Castelnuovo in Valsugana la produzione di una birra tutta sua: nasce così il birrificio Lagorai che produce una lager keller dalla particolare bottiglia con l’etichetta appesa con uno spago fissato al vetro con la ceralacca. Una birra morbida, leggera e dissetante non pastorizzata e non filtrata che vuole riprendere la tradizione dei birrifici trentini che, specialmente nella prima parte del secolo scorso, erano ampiamente diffusi nella nostra provincia.

La passione per birre, i rapporti con i monaci trappisti dei monasteri belgi i frequenti viaggi in giro per il mondo ha portato Claudio Smaniotto, insieme alla figlia Sabrina, consulente birraia e diplomata in Belgio, ad aprire un beer shop con tantissime etichette ed un angolo speciale dedicato alle produzioni trentine. Il negozio si trova a Trento nella zona Nord in via Untervegher vicino al supermercato Prix. Sugli scaffali è possibile fare il giro del mondo con un sorso, ci sono birre di tantissime nazioni e tipologie diverse. Sicuramente il bevitore più esigente non rimarrà deluso ma qualcuno alle prime armi potrebbe rimanere anche disorientato di fronte a tutta questa varietà. I titolari dell’Abazia sono pronti a fornire con competenza consigli e suggerimenti per tutti coloro che vogliono imparare ad apprezzare birre diverse dalla standard classico commerciale sempre disponibile nei nostri supermercati. Per chi si avvicina al mondo della birra il consiglio di Claudio è quello di tenere un piccolo diario delle proprie degustazioni segnandosi il tipo di birra degustata, l profumi, gli aromi e le sensazioni provate. In questo modo piano piano si riesce a crescere come conoscenze e capacità di apprezzare le varie sfumature che le varie birre riescono a dare. La filosofia di questo negozio è di dare una gamma sempre più ampia, fidelizzare e coccolare i clienti seguendoli in un percorso di crescita culturale prima ancora che gustativa.

Il legame con la birra per Claudio è pressoché viscerale: “Si entra in questo mondo e ti entra dentro che diventa quasi una dipendenza ma non dall’alcool ma dai profumi, dalle storie, dalle persone, dai gusti e dalle tradizioni. Insomma per me è qualcosa di spirituale, così definirei il mio rapporto. Certamente questo negozio nasce ovviamente con l’intento di avere un ritorno economico ma il mio obiettivo è anche quello di fare cultura, di trasmettere questa mia passione ad un numero sempre maggiore di amanti della birra.

Nel negozio viene dato ampio spazio alla produzione locale, sono presenti infatti una ventina di birrifici trentini. 20160611_163259L’Abazia della birra vuole dare ampia visibilità a queste realtà , tant’è che sono in negozio sono esposte solo un paio di altre etichette italiane proprio per favorire questo movimento che ha avuto avuto negli ultimi 3-4 anni uno sviluppo molto ampio. Claudio non vede questi nuovi birrifici come possibili concorrenti ma semmai come un’ulteriore opportunità per promuovere la cultura della birra. Nei prossimi mesi è sua intenzione ospitare presso “l’Abazia”ogni settimana un produttore trentino diverso. Claudio sostiene che “la birra e sempre legata ad una persona. Per questo è importante che i consumatori conoscano direttamente i birrai trentini in modo che possano spiegare in prima persona persona la loro storia, le idee, le difficoltà e ovviamente presentare i propri prodotti.

Abbazia della Birra

Via Untervegher 30, Trento
Tel: 0461 826392

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − tredici =